Pare che millenni fa sia esistita una mitica Età dell’Oro: l’uomo viveva in simbiosi con l’Universo e tutto avveniva da uno equilibrio naturale non cosciente. Poi si formarono il linguaggio e il pensiero, e gli uomini primitivi cominciarono a seguire automaticamente quelle voci, anche quando dicevano loro di uccidere i loro simili. Nei millenni che seguirono la voce del pensiero divenne sempre più dominante, sino a farci credere di essere i nostri pensieri. Però è grazie al pensiero e al linguaggio che la conoscenza divenne trasmissibile… Ora il prossimo passo evolutivo è di ritornare a una nuova Età dell’Oro in piena consapevolezza: percepire e riconoscere in noi la connessione con l’Uno, di essere Uno. Questo è il senso ultimo della Meditazione e ogni tecnica meditativa è solo uno strumento per arrivare alla vera meditazione.

A cosa serve:

  • rilassamento fisico e mentale
  • scioglimento di blocchi fisici, emozionali e mentali
  • lucidità mentale
  • sviluppo della creatività
  • risolvimento di situazioni conflittuali
  • sviluppo delle capacità di autoguarigione
  • apertura all’amore e all’abbondanza

Qui sotto una parziale lista degli strumenti meditativi che ritengo validi per sciogliere i principali nodi emozionali dell’inconscio personale e collettivo e poter così accedere a quello spazio di “Mente Vuota” dal quale è possibile percepire la “Connessione”:

  • Meditazione con la Dissolvenza Taoista Via dell’Acqua™
  • Meditazione con il respiro di Lunga Vita
  • Meditazione del Perdono
  • Meditazione dell’Amore compassionevole
  • Meditazione della trasformazione da Difficoltà a Liberazione
  • Meditazione Cuore a Cuore
  • Meditazione della Luce Bianca
  • Meditazione del nostro Bambino Divino
  • Meditazione dell’Abbondanza Illimitata